Mandalay (Birmania), 13 mar. (LaPresse/AP) – Le forze di sicurezza in Birmania sabato hanno nuovamente preso di mira le proteste contro il golpe militare del mese scorso, uccidendo almeno quattro persone sparando munizioni vere ai manifestanti. Tre decessi sono stati segnalati a Mandalay, la seconda città più grande del Paese, e uno a Pyay, una città nel centro-sud del Myanmar. Ci sono state più segnalazioni sui social media di vittime, insieme a foto di persone morte e ferite in entrambe le località.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata