Milano, 4 mar. (LaPresse) – “La scuola è presenza ma in questo anno difficilissimo i nostri insegnanti hanno lavorato tutti in situazioni difficilissime per non abbandonare nessuno: la dad è un patrimonio che non può essere disperso, non si può dire ‘tiriamo una riga come se non ci fosse stato’. Bisogna imparare anche dalle esperienze e arrivare a un uso più consapevole e competente anche degli strumenti informatici”. Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, a Radio Anch’io su Radio Rai1 precisando che “anche in presenza ci sarà l’uso delle nuove tecnologie. Non bisogna fare guerre di religione, bisogna usare tutti gli strumenti andando verso una visione che li comprenda tutti”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata