Firenze, 2 mar. (LaPresse) – “Abbiamo sottoscritto con il presidente della Fondazione Tls, Filippo Landi, l’intesa che ci porta a essere rappresentati, come Regione Toscana, in quella che sarà una nuova società, la Tls Sviluppo, che consente la produzione materiale di 100mila dosi in 3 mesi, e altrettante nei 3 mesi successivi, di quella che è la medicina verso il Covid-19, l’anticorpo monoclonale. Finora si è parlato dei vaccini, ovvero elementi di prevenzione della malattia, mentre con questa medicina, l’anticorpo monoclonale, il lavoro di ricerca che il professor Rappuoli con tutto il suo pool ha sviluppato fin dagli inizi della pandemia si concretizza con dosi che, inoculate, consentono anche al malato di poter reagire”. Lo ha spiegato il presidente della Toscana, Eugenio Giani, nel corso di una conferenza stampa per presentare proprio l’intesa siglata per la produzione degli anticorpi monoclonali. “Ci sono 5-6 laboratori nel mondo che stanno sempre più perfezionando gli anticorpi, e uno è in Italia, a Siena, con una produzione interamente in Italia – ha sottolineato Giani -. E per produrlo ecco questa nuova società che dipende da Tls con un investimento di Invitalia, una partecipata dallo Stato che mette le risorse. È un risultato storico perché se sui vaccini siamo arrivati dopo molti altri, solo in questi giorni si sta testando l’antidoto made in Italy, sulla medicina possiamo arrivare prima di altri proprio sulla base di questo accordo”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata