Roma, 1 mar. (LaPresse) – “L’Europa era partita bene ma arriva in ritardo, deve esigere dalle case farmaceutiche che facciano il loro dovere e prendere contatti con la Russia per poter utilizzare il brevetto dello Sputnik. L’Europa deve essere meno burocratica e più efficiente anche in sanità”. Così Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia ed europarlamentare, contattato da LaPresse in merito ai ritardi del piano vaccinale Ue. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata