Torino, 1 mar. (LaPresse) – L’ambasciatrice della Birmania, Hmway Hmway Khyne, è stata convocata alla Farnesina “per richiedere che le autorità militari pongano termine immediatamente a tutte le azioni di violenta repressione delle proteste democratiche in corso nel Paese”. All’ambasciatrice, fa sapere una nota, è stata espressa piena solidarietà dell’Italia nei confronti di tutti coloro che manifestano pacificamente per difendere le istituzioni civili e il futuro democratico del proprio Paese. L’Italia ha ribadito la ferma condanna del colpo di stato militare del 1 febbraio scorso e la richiesta di immediato rilascio della Consigliera di Stato Aung San Suu Kyi, arbitrariamente detenuta in isolamento, e di tutti coloro tratti in arresto in connessione con il colpo di stato, prosegue.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata