Yangon (Birmania), 28 feb. (LaPresse/AP) – Almeno quattro manifestanti sono stati uccisi in Birmania nelle ultime ore durante le proteste contro il golpe militare che ha destituito il governo guidato dalla leader Aung San Suu Kyi. Un giovane è stato ucciso dalle forze di sicurezza a Yangon, mentre altri tre manifestanti sono stati uccisi durante una marcia di protesta a Dawei, una città molto piccola che si trova nel sud-est del Paese. Prima di domenica, secondo l’Associazione indipendente di assistenza dei prigionieri politici, ci sono state otto segnalazioni confermate di uccisioni legate alle proteste.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata