Città del Vaticano, 17 feb. (LaPresse) – “La Quaresima non è una raccolta di fioretti, è discernere dove è orientato il cuore. Proviamo a chiederci: dove mi porta il navigatore della mia vita, verso Dio o verso il mio io? Vivo per piacere al Signore, o per essere notato, lodato, preferito? Ho un cuore “ballerino”, che fa un passo avanti e uno indietro, ama un po’ il Signore e un po’ il mondo, oppure un cuore saldo in Dio? Sto bene con le mie ipocrisie, o lotto per liberare il cuore dalle doppiezze e dalle falsità che lo incatenano?”. Lo dice Papa Francesco nell’omelia della messa del mercoledì delle Ceneri, celebrata dall’altare della Cattedra della Basilica di San Pietro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata