Washington (Usa), 11 feb. (LaPresse/AP) – Il neo eletto presidente degli Stati Uniti Joe Biden è pronto a rivedere la strategia degli Usa sulla popolare app di video TikTok, di proprietà della cinese Bytedance. Il predecessore di Biden, Donald Trump, aveva vietato la celebre app negli Usa citando motivi di sicurezza nazionale. Biden avrebbe chiesto a un tribunale di rinviare la controversia legale sullo stop all’applicazione. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti sta in particolare esaminando se le affermazioni di Trump sulla minaccia arrecata da TikTok alla sicurezza nazionale giustifichino i tentativi di vietarlo dagli app store per smartphone americani. Inoltre, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, l’amministrazione Biden ha “a tempo indeterminato” accantonato la proposta di acquisizione da parte degli Stati Uniti di TikTok. L’anno scorso, l’amministrazione Trump aveva negoziato un accordo che avrebbe costretto le società statunitensi Oracle e Walmart a prendere una quota importante nell’app di proprietà cinese. L’insolito accordo derivava da un ordine esecutivo di Trump che mirava a vietare TikTok negli Stati Uniti a meno che non accettasse un maggior grado di controllo americano. Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki non ha negato l’indiscrezione, ma ha detto che l’amministrazione Biden non ha intrapreso un “nuovo passo avanti proattivo” nel processo. Psaki ha aggiunto che l’amministrazione Biden sta valutando in modo completo i rischi per i dati statunitensi, compresi quelli che coinvolgono TikTok. È in corso una revisione di TikTok da parte del Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti, che considera le implicazioni per la sicurezza nazionale di tali investimenti, ha detto Psaki.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata