Milano, 10 feb. (LaPresse) – Se Banca Monte dei Paschi di Siena dovesse procedere con il piano di ricapitalizzazione da 2,5 miliardi di euro e, oltre al Tesoro, non si trovassero minoranze disposte a sottoscrivere la parte sottostante dell’aumento di capitale “la realtà è che la parte sarebbe garantita dalle banche commerciali”. E’ quanto ha detto Guido Bastianini, amministratore delegato del Mps, rispondendo a una domanda in conference call con gli analisti. “Non abbiamo ancora tutta la visibilità necessaria” sull’eventuale operazione di ricapitalizzazione dell’istituto, ha precisato Bastianini ricordando che “la priorità dell’azionista di maggioranza della banca è di ricorrere a soluzione diversa”. Se “questo, ripeto, dovesse accadere, le nostre banche sono disposte a coprire la parte restante”, ha ribadito Mps.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata