Roma, 4 feb. (LaPresse) – “La disponibilità di vaccini anti-Covid entro il mese di giugno è quantificabile nell’ordine più o meno dei 40 milioni” di dosi. “Quindi dovremmo arrivare largamente a una cifra importante di persone che vengono a essere vaccinate. Siamo nell’ordine dei 20 milioni di persone almeno per il mese di giugno”. E’ il calcolo prospettato da Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), ospite di ‘Buongiorno’ su Sky TG24. “Entro giugno contiamo 20 milioni di vaccinati” possibili sulla base dei numeri di dosi disponibili. “Abbiamo avuto 2 milioni di dosi a gennaio – ricorda – e parlando solo dei vaccini per ora approvati avremo 4 milioni per febbraio, 8,3 per marzo e poi 25 milioni per il trimestre successivo. E’ chiaro che, se arriveranno ulteriori dosi di vaccini o ci saranno vaccini che verranno approvati, questo numero si può incrementare. Oggi questi sono i numeri rispetto ai tre vaccini Pfizer/BioNTech, Moderna, AstraZeneca e in funzione di quella che è la previsione di fornitura”, spiega Locatelli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata