Milano, 29 gen. (LaPresse) – Le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Inail nel 2020 sono state 1.270, un aumento di 181 casi rispetto ai 1.089 registrati nel 2019 (+16,6%). “L’incremento è influenzato soprattutto dai decessi avvenuti e protocollati al 31 dicembre 2020 a causa dell’infezione da Covid-19 in ambito lavorativo, che rappresentano circa un terzo dei decessi denunciati all’Inail da inizio anno”, sottolinea l’istituto. Le denunce di infortunio sul lavoro presentate all’Inail nel 2020 sono invece state 554.340, in diminuzione di oltre 87mila casi rispetto alle 641.638 del 2019 (-13,6%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata