Mosca: "Violate le acque territoriali". Londra: "Nostro cacciatorpediniere in Ucraina"

Una nave da guerra russa ha esploso spari di avvertimento per dissuadere un cacciatorpediniere del Regno Unito che si trovava vicino alla Crimea nel Mar Nero. Lo riferisce il ministero della Difesa russo, secondo cui gli spari sono stati esplosi dopo che il Defender britannico ha ignorato un richiamo contro l’intrusione in acque territoriali russe.

Sempre secondo quanto riferisce Mosca, un suo bombardiere Su-24 ha anche sganciato delle bombe davanti alla nave britannica per convincerla a cambiare percorso. La Russia ha annesso la penisola ucraina di Crimea nel 2014, mossa che non è stata riconosciuta dalla maggior parte dei Paesi al mondo. Spesso Mosca ha reagito a visite di navi da guerra di Paesi Nato nel Mar Nero, definendole destabilizzanti, anche se sul Mar Nero si trovano diversi Paesi membri della Nato.

Il ministero della Difesa britannico ha replicato, smentendo che siano stati esplosi colpi di avvertimento, spiegando che la nave stava transitando in acque ucraine, per un ‘attività di routine.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata