Preparativi per l'Inauguration Day, Biden commosso lasciando il Delaware

Il presidente eletto Usa Joe Biden e la vicepresidente Kamala Harris sono pronti a insediarsi al governo degli Stati Uniti, prendendo in mano la guida di un Paese diviso, segnato dal recente attacco al Campidoglio e dalla crisi, sanitaria ed economica, scatenata dal coronavirus. Dopo i mesi turbolenti seguiti alle elezioni del 3 novembre, con gli attacchi continui del repubblicano Donald Trump e le accuse di brogli, è arrivato per Biden il momento, atteso, del giuramento davanti al Campidoglio in una cerimonia diversa dagli anni precedenti, tra i timori della pandemia e quelli di nuove violenze da parte dei sostenitori del tycoon. ‘America United’ è il tema scelto per l’inaugurazione, che sottolinea la volontà dei democratici di lasciarsi alle spalle i conflitti e le divisioni che si sono amplificati negli anni dell’amministrazione Trump e sono esplosi lo scorso 6 gennaio, in un assalto al Congresso destinato a rimanere una pagina nera nella storia della democrazia statunitense.

“Sono fiero di essere un figlio del Delaware”, ha detto Biden, visibilmente commosso a un evento presso la sede della Guardia nazionale nella contea di New Castle, salutando il suo Stato prima di partire per Washington. Nel discorso il presidente eletto ha ricordato il figlio Beau, morto per un cancro al cervello, dicendo che il suo unico rimpianto è che non sia lì per essere presentato lui come presidente.

 

Quella del 20 non sarà solo una giornata simbolica e di cerimonia. Biden è deciso a entrare in azione immediatamente per sovvertire alcune delle politiche più contestate dell’amministrazione Trump con, tra le altre misure, il rientro nell’accordo del clima di Parigi, e l’abolizione del muslim ban, fino ad arrivare a un ampio disegno di legge sull’immigrazione che presenterà al Congresso. La normativa ha l’obiettivo di aprire un percorso di otto anni alla cittadinanza per circa 11 milioni di persone che attualmente vivono negli Stati Uniti senza avere uno status legale. Il disegno di legge ripristinerebbe e amplierebbe inoltre anche i programmi per i rifugiati e i richiedenti asilo ridotti dall’amministrazione Trump.

Alla vigilia dell’insediamento il presidente eletto e la sua vice hanno deciso di omaggiare le vittime del Covid-19 in una cerimonia che si tiene stasera presso il Lincoln Memorial, a Washington, dove verranno accese 400 luci in rappresentanza dei quasi 400mila morti registrati nel Paese dall’inizio della pandemia. L’evento darà il via a “un momento nazionale di unità” che includerà memoriali simili all’Empire State Building, allo Space Needle a Seattle e in altri punti simbolici in tutta la nazione.

Intanto il Senato ha ripreso i lavori con l’audizione di alcuni dei membri chiave dell’amministrazione Biden, tra cui Janet Yellen e Antony Blinken, scelti per guidare rispettivamente il Tesoro e il dipartimento di Stato. Nessuno dei membri del gabinetto dovrebbe però essere confermato entro l’insediamento, diversamente dalla consuetudine che prevede la conferma almeno del segretario alla Difesa. Il democratico ha inoltre proseguito con le nomine del suo esecutivo scegliendo la transgender Rachel Levine come sottosegretaria alla Salute.

A Washington la città è in fermento per la cerimonia mentre cresce la paura di nuovi attacchi. Almeno due membri della Guardia Nazionale sono stati rimossi dall’incarico di garantire la sicurezza all’Inauguration Day per legami con milizie di destra. La vicepresidente Harris non si è però mostrata preoccupata per la sicurezza personale. “Non vedo l’ora di giurare”, ha detto la ex senatrice della California che diventerà la prima vicepresidente nera della storia del Paese, “camminerò lì con orgoglio e a testa alta”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata