Washington (Usa), 10 nov. (LaPresse/AP) – La cacciata di Mark Esper, il capo del Pentagono, era prevista da alcuni osservatori Usa come il primo di numerosi licenziamenti da parte di Trump, ora libero dal dover affrontare di nuovo gli elettori e arrabbiato con coloro nella sua amministrazione percepiti come insufficientemente fedeli. Altri adesso, secondo AP, potrebbero essere nel mirino del presidente Usa: il direttore del Fbi Christopher Wray, il capo della Cia Gina Haspel oltre all'esperto di malattie infettive Anthony Fauci, da tempo in rotta con Trump.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata