Due posti per tre e una domenica di passione tutta da vivere.

Due posti per tre e una domenica di passione tutta da vivere. La volata Champions, insieme alla squadra che parteciperà all’Europa Conference League tra Roma e Sassuolo, è l’ultimo tassello che manca per completare il puzzle dei verdetti della Serie A, giunta all’ultima giornata di campionato. La Juventus insegue a un punto di distanza la coppia Milan-Napoli e solo un passo falso di una delle due può regalarle il pass per l’Europa dei migliori al fotofinish. I ragazzi di Pirlo sono galvanizzati dal successo ottenuto mercoledì in Coppa Italia nella finale con l’Atalanta, ma vincere contro un Bologna già salvo da un pezzo non basterà per centra la top 4. Pioli e Gattuso infatti hanno il destino nelle loro mani. I campani se la vedranno contro un Hellas decimo e senza obiettivi, che non raccoglie tre punti dal 3 aprile scorso contro il Cagliari. I rossoneri invece affronteranno proprio la Dea, che in settimana ha fallito l’assalto a un trofeo che manca in bacheca da 58 anni.

Il Milan prova l’impresa a Bergamo

Sulla carta l’impegno più complicato è quello di Donnarumma e compagni, che si sono complicati la vita dopo aver fallito il primo match-point contro il Cagliari, arrivato a San Siro con la salvezza in tasca dopo il pareggio tra Benevento e Crotone. Il Milan si gioca molto, non ha mai battuto l’Atalanta nell’era Pioli e si troverà davanti un gruppo motivato a riscattare le amarezze di Coppa e determinato a chiudere al secondo posto in campionato alle spalle dell’Inter, piazzamento mai conquistato nella storia del club e che porta in dote anche 5,2 milioni in più rispetto al quarto posto. “È dura per il Milan. L’Atalanta ha la possibilità di arrivare seconda in Serie A. Dopo la delusione dell’altra sera non credo voglia fallire – è l’opinione a tal proposito dell’ex ct della nazionale Marcello Lippi espressa a LaPresse a margine di un incontro del Caffè della Versiliana al teatro comunale di Pietrasanta, in provincia di Lucca – Rischiano tutte e tre, non è possibile fare pronostici”.

Napoli e Juve sfidano Verona e Bologna

Il Napoli però in linea teorica può contare su qualche certezza in più, frutto dell’ottimo momento che stanno attraversando Insigne e compagni, reduci da quattro successi nelle ultime cinque gare, e della consapevolezza di trovarsi davanti un avversario, il Verona, che ha staccato la spina dopo aver stupito per tre quarti di stagione. La frattura tra Rino Gattuso e Aurelio De Laurentiis è insanabile e non cambierà il destino del tecnico calabrese, che comunque vuole lasciare nel migliore dei modi, ovvero riportando i campani in Champions League dopo una lunga rincorsa. Il piazzamento finale non inciderà sul futuro di Gattuso, mentre invece potrebbe pesare non poco su quello di Pirlo. Le quotazioni del ‘Maestro’ dopo aver messo il secondo trofeo della stagione in bacheca sono in rialzo, un eventuale quarto posto raccolto all’ultimo respiro potrebbe capovolgere qualsiasi scenario. Intanto i bianconeri dovranno fare il loro nella trasferta di Bologna contro i giovani lanciati da Mihajlovic, che sicuramente non tireranno la gamba indietro. Poi verrà il momento di incrociare le dita e aspettare notizie positive dagli altri campi. In ballo, oltre al fascino della più importante competizione europea, c’è una cascata di milioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata