Lunedì 26 Dicembre 2016 - 13:00

Russia denuncia: Ad Aleppo fosse comuni con corpi mutilati

Trovati durante l'ispezione anche sette magazzini pieni di munizioni

Portavoce esercito russo denuncia: Ad Aleppo fosse comuni con corpi mutilati

La Russia denuncia il ritrovamento ad Aleppo di fosse comuni con decine di corpi mutilati e che portano i segni di spari alla testa. A dirlo è il portavoce dell'esercito russo, Igor Konashenkov: "Abbiamo trovato grandi fosse comuni con decine di siriani che hanno subìto torture selvagge e rappresaglie. Molti di loro sono mutilati". E poi ha aggiunto: "Questo è solo l'inizio". Aleppo è passata la scorsa settimana interamente nelle mani dell'esercito siriano, dopo un lungo assedio.

"I risultati della prima ispezione dei quartieri di Aleppo abbandonati dalla cosiddetta opposizione possono impressionare molti", ha proseguito il portavoce. Negli ultimi mesi Mosca ha denunciato l'uccisione, per mano dei gruppi armati che controllavano Aleppo est, di numerosi civili che volevano abbandonare Aleppo tramite i corridoi umanitari allestiti dall'esercito russo. Konashenkov ha comunicato anche il ritrovamento di sette magazzini di munizioni sufficienti ad armare diversi battaglioni di combattenti, e di armamenti pesanti abbandonati come carri armati, cannoni e lanciarazzi.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Militanti ceceni prendono in ostaggio oltre 1000 tra donne e bambini in una scuola a Ossezia, Russia

Russia, accoltella otto passanti: Isis rivendica l'attentato

L'assalitore è un giovane del posto le autorità russe avevano scartato la pista del terrorismo

Germania, arrestati due adolescenti per attacco a Wuppertal

La polizia cerca altri due uomini di 23 e 29 anni legati ai fatti

Attentato Barcellona, continua l'omaggio floreale per le vittime

Barcellona: "La cellula voleva colpire la Sagrada Familia"

Si tratterebbe di Younes Abouyaaqoub, cittadino marocchino di 22 anni. Identificata la terza vittima italoargentina, Carmen Lopardo