Lunedì 14 Novembre 2016 - 15:15

Lega contro Fazio e 'Che tempo che fa': Spettacolo vergognoso

Centinaio e Fedriga annunciano: "Faremo un'interrogazione in vigilanza Rai e un esposto all'Agcom"

Lega contro Fazio e 'Che tempo che fa': Spettacolo vergognoso

La Lega si scaglia contro Fabio Fazio e la sua trasmissione 'Che tempo che fa'. "Fazio ci inviti al suo programma, si scrolli di dosso la nomea di conduttore asservito che fa da spalla a un governo non eletto da nessuno. Ieri nella sua trasmissione Renzi ha cercato di umiliare l'opposizione senza contraddittorio e si è così violata qualunque regola morale e deontologica", affermano Gian Marco Centinaio e Massimiliano Fedriga, presidenti dei gruppi parlamentari del Carroccio, preannunciando un'interrogazione in vigilanza Rai e un esposto all'Agcom per il ripristino delle condizioni minime di legge che devono essere rispettate da tutte le trasmissioni della Rai nella gestione della campagna informativa referendaria.

"I vertici Rai intervengano: lo spettacolo andato in onda ieri sera è stato vergognoso. La faziosità di certi conduttori pagati dai contribuenti e che tifano Sì è spregiudicata e palese  e lede il diritto dei cittadini di accedere a una libera informazione. La Lega rivendica spazio per argomentare le ragioni del No", concludono Centinaio e Fedriga.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

A Forza Italia la Vigilanza Rai: è Barachini il nuovo presidente

Al Copasir è stato invece eletto presidente Lorenzo Guerini, del Pd

Assemblea Nazionale del Partito Democratico

Commissioni, accordo chiuso: Guerini al Copasir, Barachini alla Vigilanza Rai

Dopo oltre due settimane di trattative, scontri, accuse e ricuciture, sembra essere finalmente giunto l'happy ending per le commissioni parlamentari di garanzia

Trapani, cominciato lo sbarco dei migranti dalla nave Diciotti

Sbarchi, la Spagna supera l'Italia, ma il primato dei morti resta nostro

I dati dell'Oim mostrano un crollo complessivo degli arrivi e una forte redistribuzione a favore di Spagna e Grecia