Lunedì 23 Maggio 2016 - 17:00

Austria, Salvini: Nove giornalisti italiani su dieci sono servi

Il leader della Lega commenta le elezioni in cui il Partito della Libertà, alleato oltralpe del Carroccio, è stato sconfitto

Austria, Salvini: Nove giornalisti italiani su dieci sono servi

"Provo pena per quei giornalisti italiani che parlano di un voto (della metà del popolo austriaco) per un'estrema destra xenofoba, populista, razzista e ultra-nazionalista'. Da quando chiedere il rispetto delle regole è 'estremismo'? Nove giornalisti italiani su dieci non sono uomini, sono servi". Così il segretario della Lega Nord e presidente Ncs Matteo Salvini commenta su Facebook le elezioni austriache in cui il Partito della Libertà, alleato oltralpe del Carroccio, è stato sconfitto.

 

Il segretario del Carroccio aveva spiegato poco prima che il Partito della Libertà austriaco è stato "sconfitto per una manciata di voti (arrivati per posta...) da un'ammucchiata di socialisti, democristiani, verdi e compagni". Salvini ha poi rivolto un monito a "Germania, Austria, Francia, Polonia, Ungheria, Finlandia, Gran Bretagna e Italia": "in Europa soffia aria di libertà, la gente vuole più lavoro e meno immigrazione, più diritti e meno euro-burocrati".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"

Pensioni, Renzi contro Di Maio: "E' una vera follia tagliare quelle da 2.300 euro"

Scontro sulle cifre tra il segretario Pd e il candidato M5S. Il pentastellato replica: "Vogliamo ridurre quelle oltre 5mila euro"

Paolo Gentiloni in conferenza stampa a Bruxelles

Clima, Gentiloni: "Previsti 175 miliardi per la strategia energetica"

Il premier parla al convegno Patto per il clima, organizzato dai Verdi a Roma

Mattarella incontra una delegazione della Fondazione "Premio Ischia"

Elezioni, il Colle pensa a serenità del Paese: l'obiettivo è stabilità

Mattarella agisce con tutta la discrezione, motivato dal bene primario di mettere in massima tutela il Paese