Comano, riserva Biosfera Unesco: tra acque termali, auto d'epoca e solidarietà
Comano, riserva Biosfera Unesco: tra acque termali, auto d'epoca e solidarietà

a il lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, decine di borghi contadini dal fascino inalterato, siti archeologici, antichi manieri, tutto con stile di vita slow

Viaggio primaverile nella valle delle Terme, a Comano, riserva Biosfera Unesco. Tra il lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, decine di borghi contadini dal fascino inalterato, siti archeologici, antichi manieri, tutto con stile di vita slow. Una valle per praticare tanti sport, dal camminare alla mountain bike o dedicarsi alla scoperta della cultura e tradizioni locali facendo visita al Museo delle Palafitte di Fiavé o al Castello di Stenico

Comano è riserva Biosfera Unesco. La valle ha ottenuto il prestigioso riconoscimento grazie alla sua ricca biodiversità, alle testimonianze culturali ed all'utilizzo sostenibile delle risorse naturali.Cinque milioni di alberi, 17 mila ettari di verde, un milione di tonnellate di CO2 assorbita ogni anno, 700 mila tonnellate di ossigeno rilasciato ogni anno, 26 milioni kWh di energia pulita prodotta ogni anno in valle da fonti rinnovabili (di cui 19 milioni kWh di provenienza idroelettrica, 7,2 milioni kWh di energia da fotovoltaico).

Siti archeologici. Percorrendo la passeggiata segnalata della zona archeologica arrivate in uno dei rinvenimenti più interessanti della preistoria d'Europa: nel biotopo di Fiavé resti di villaggi palafitticoli databili dal 2300 al 1200 a.C. Sopra Lundo, il monte San Martino conserva invece i segni di una perduta fortezza. Gli archeologici stanno lentamente riportando alla luce, a più di mille anni di distanza, un complesso di edifici, la chiesa e quasi un chilometro di mura di età barbarica. Entrambi i siti archeologici sono parte del circuito ArcheoTrentino e si possono raggiungere e, in parte, percorrere in sella alla bici o a piedi.

Le ultime scoperte sulle acque termali. Una ricerca sul microbiota dell’acqua di Comano, da poco pubblicata sulla rivista internazionale Microbiome, le colloca al vertice delle stazioni termali dedicate alla cura delle malattie della pelle. La ricerca - sotto la guida di Mario Cristofolini, presidente istituto GB.Mattei per la ricerca termale e dei professori Olivier Jousson e Nicola Segata – ha individuato una ricca comunità microbica composta da centinaia di specie batteriche, in gran parte ignote al mondo scientifico, e che presentano diversi tipi di bioattività. Tra i percorsi possibili nelle terme, la novità di quest’anno è la nascita di un percorso metabolico nutrizionale e di cura idropinica per imparare a conoscere ciò che si mangia e i meccanismi metabolici che regolano il nostro corpo, mantenendo un peso ideale con il fine di proteggere la propria salute. Per Pasqua, pacchetti per la famiglia con intrattenimenti dedicati ai bambini (https://www.visitacomano.it/it/eventi-principali/pasqua-alle-terme-di-comano#appuntamenti_correlati)

Passeggiate a tema. Cinque percorsi partono dalle Terme di Comano: il Cammino dell'Arte (impronte viola), il Cammino della Fede (impronte gialle), il Cammino della Storia (impronte rosse), il Cammino della Natura (impronte blu), il rekking urbano delle Terme di Comano (impronte gialle). A misura di bambino trovate invece sei Sentieri dei Piccoli Camminatori per un'esperienza da favola attraverso boschi e borghi antichi. Interessanti i cinque Sentieri della Cooperazione realizzati dall'Accademia della Montagna per unire la passione per la montagna con i valori della Cooperazione in Trentino lungo la storia di don Guetti. Ovviamente non potevano mancare i sentieri del Gusto: tre itinerari che attraverso stretti vicoli, piccole piazze, borghi contadini e strade di campagna ti porteranno a scoprire tre prodotti d'eccellenza della valle: la Ciuìga del Banale e la Noce del Bleggio - presidi Slow Food - e la patata montagnina!

Per chi ama i motori e la solidarietà. Dal 24 al 26 maggio, con partenza dalle Terme di Comano si rinnova l’appuntamento con AppassionAuto, raduno per auto d’epoca e supercar per scopo solidale e beneficenza. Un tour tra laghi alpini, antichi castelli, dimore signorili, vette dolomitiche, orti biologici, per far del bene ai ragazzi autistici di Casa Sebastiano, a Coredo in Val di Non. I proventi della scorsa edizione – che ha visto 130 vetture iscritte, venti trofei assegnati e 27mila 666,71 euro raccolti – sono stati dedicati al primo lotto dell’area idroterapica per Casa Sebastiano gestita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo ed al progetto “Dopo di Noi” dell’Associazione Oasi Valle dei Laghi e di integrazione familiare della Comunità Handicap.

Percorsi tra i castelli. Dal Castello di Stenico alle spumeggianti Cascate del Rio Bianco nel Parco Naturale Adamello Brenta, dall’ex chiostro francescano di Campo a Castel Spine fino alla Pieve di Vigo Lomaso, la seconda più antica del Trentino dopo il Duomo di Trento. Se volete fare il tour dei castelli in trenino, l’Apt (info 0465 702626 - info@visitacomano.it). organizza Castellando: due date in primavera (27 aprile, il 4 maggio) e due in autunno (il 14 settembre ed il 12 ottobre)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata