TOP Vaccini, Fi: Scelta maggioranza senza ratio scientifica o normativa

Roma, 7 set. (LaPresse) - “Nessuna ratio scientifica, né normativa. La scelta della maggioranza di approvare l'emendamento al decreto Milleproroghe che permette alle famiglie di autocertificare le vaccinazioni obbligatorie dei bambini fino al marzo 2019 non ha alcuna logica. Forse, solo quella della ricerca del facile consenso di una minoranza chiassosa, molto attiva sui social. Forza Italia ha sempre sviluppato un dibattito propositivo ma purtroppo maggioranza e un governo hanno preferito ripercorrere le orme di Penelope: fare oggi per disfare domani. Sordi e ciechi a ogni richiesta di buon senso”. Lo affermano, in una nota congiunta, Andrea Mandelli, Stefania Prestigiacomo, Mauro D'Attis, Francesco Cannizzaro, Felice Maurizio D'Ettore, Roberto Occhiuto, Roberto Pella e Paolo Russo, deputati di Forza Italia e componenti della Commissione bilancio di Montecitorio. “La maggioranza non ha tenuto conto dei pareri degli esperti che nel corso delle audizioni hanno sempre sostenuto la necessità e l'importanza della vaccinazione e si è scontrata anche con la logica normativa. Perché un genitore munito della certificazione di avvenuta immunizzazione dovrebbe presentare prima un'autocertificazione e poi, entro sei mesi, ritornare a scuola per consegnare un documento che già oggi è in suo possesso? In più, come si comporteranno i dirigenti scolatici che alla fine della proroga non avranno ottenuto la regolarizzazione di qualcuno? La certezza è che nei prossimi sei mesi vivremo un clima di dubbi e sospetti, perché nessuno sarà in grado di impedire che nelle aule possano entrare anche studenti non vaccinati e questo non farà certo bene alle comunità scolastiche. Discrasie che imporrebbero una seria riflessione a governo e maggioranza”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata