Dl dignità, irritazione M5s contro Ragioneria e Mef: Ora fare pulizia

Roma, 14 lug. (AWE/LaPresse) - Irritazione nel Movimento 5 Stelle nei confronti della Ragioneria dello Stato, che fa capo al ministero dell'Economia. Gli 8mila posti di lavoro che rischierebbero di sparire, secondo la relazione tecnica al decreto dignità, sono un numero che "è apparso la notte prima che si inviasse al presidente della Repubblica" ha denunciato Luigi Di Maio. "Non è una cosa che hanno messo i miei ministeri, non hanno chiesto i miei ministeri, e soprattutto non è una cosa che hanno chiesto i ministri della Repubblica", ha assicurato. Nel mirino dei pentastellati finisce dunque via Venti Settembre, con il sospetto che in quegli uffici ci siano uomini vicini all'ex squadra di governo. Ecco perché confermano fonti del movimento, c'è la volontà di 'fare pulizia' sia alla ragioneria dello Stato che il Mef, luoghi strategici in cui, si sottolinea, c'è bisogno di persone di fiducia e non di chi rema contro.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata