Roma, 25 gen. (LaPresse) – “La memoria è indispensabile, non soltanto per conservare il passato, ma per capire il presente e preparare un futuro che sia più protetto dalle manifestazioni della banalità del male che poi diventano vere e proprie pandemie di morte, come è la guerra”. Lo dice a LaPresse il cardinale Matteo Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della Cei, in occasione del Giorno della Memoria celebrata il 27 gennaio di ogni anno per commemorare le vittime dell’Olocausto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata