Firenze, 6 dic. (LaPresse) – Confermate dai giudici della corte di appello di Firenze le assoluzioni per gli ex vertici di Banca Etruria accusati del reato di falso in prospetto, uno dei filoni d’inchiesta relativi al fallimento dell’istituto di credito aretino. Le assoluzioni riguardano l’ex presidente Giuseppe Fornasari, l’ex dg Luca Bronchi e l’ex dirigente Davide Canestri. L’accusa riguardava l’emissione di obbligazioni subordinate, risalenti al 2013, che, secondo i pm, non avrebbero rispecchiato le reali condizioni della banca.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata