Roma, 16 ago. (LaPresse) – “Il partito nazionale ha deciso di darmi una schiaffo, mettendomi su un collegio uninominale dato perdente dai sondaggi, difficile, senza paracadute e senza che io lo sapessi”, ma “farò questa battaglia per salvare l’Italia da una destra oscurantista e dai fascisti, e perché una grande comunità me lo chiede: malati terminali, persone Lgbt, bambini arcobaleno, detenuti, di cui il Pd deve occuparsi”. Così la senatrice del Pd, Monica Cirinnà, durante una conferenza stampa a Palazzo Madama. “Letta chiacchiera di occhi di tigre. Io li tiro fuori ma lo faccio solo per le tante persone che tutta la notte mi hanno inviato mail, telefonate e messaggi. Perché il Pd e l’unico che potrà fermare questa destra oscurantista. Ci ho pensato durante questa notte terribile ma ho pensato di combattere come l’ultimo dei gladiatori”, aggiunge Cirinnà, e “nessuno potrà dire che sono scappata”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata