Roma, 14 ago. (LaPresse) – Dio “ci sta dicendo che il Vangelo è come un fuoco, perché si tratta di un messaggio che, quando irrompe nella storia, brucia i vecchi equilibri del vivere, sfida a uscire dall’individualismo, a vincere l’egoismo, a passare dalla schiavitù del peccato e della morte alla vita nuova del Risorto. Il Vangelo, cioè, non lascia le cose come stanno, ma provoca al cambiamento e invita alla conversione. Non dispensa una falsa pace intimistica, ma accende un’inquietudine che ci mette in cammino, ci spinge ad aprirci a Dio e ai fratelli”. Così Papa Francesco durante la recita dell’Angelus in piazza San Pietro. “È proprio come il fuoco: mentre ci riscalda con l’amore di Dio, vuole bruciare i nostri egoismi, illuminare i lati oscuri della vita, consumare i falsi idoli che ci rendono schiavi”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata