Milano, 2 lug. (LaPresse) – “Per me è una testimonianza piena, a tutto tondo, sia come persona che come politico che ha fatto coming out. È soprattutto un modo per stare vicino ad una comunità che oggi più che mai chiede a questa fine legislatura, di portare avanti degli impegni che erano stati presi a partire dalla legge Zan”. Lo dice a LaPresse, Vincenzo Spadafora, coordinatore politico di Insieme per il futuro, a margine del Pride a Milano. “È fuori discussione – continua Spadafora – che non sia facile, sarei ipocrita a nascondere le difficoltà che ci saranno in questi mesi, però credo ci sia una buona parte della maggioranza, non tutta, che è sinceramente orientata a far sì che il ddl Zan, come lo Ius scholae, diventino legge prima della fine della legislatura. Io sicuramente sarò tra quelli che si batterà insieme a tanti altri, per cui sono fiducioso”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata