Milano, 1 lug. (LaPresse) – Avrebbe finanziato, con trasferimento di denaro, cellule jihadiste in Bosnia, per oltre 50mila euro, a partire dal 2014: a Bologna un 52enne di origini bosniache è stato posto ai domiciliari con l’applicazione del dispositivo elettronico di controllo. L’indagine è stata condotta dal Ros, sotto il coordinamento dell’Antiterrorismo della procura di Bologna.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata