Milano, 29 giu. (LaPresse) – Nell’ambito di attività di indagine della Procura di Milano, i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Milano stanno eseguendo perquisizioni locali e domiciliari e acquisizioni documentali in Lombardia nei confronti dell’eurodeputato di FdI Carlo Fidanza e dell’ex consigliere comunale di Brescia, che sono indagati “per ipotesi di corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio”. È quanto ha reso noto la Procura di Milano con un comunicato. Dalle indagini coordinate dai pm Giovanni Polizzi e Cristina Roveda, Fidanza avrebbe convinto l’ex consigliere comunale di Brescia, Giovanni Acri, a dimettersi dal suo incarico e a lasciare il posto a Giangiacomo Calovini (che non è indagato). In cambio, Fidanza avrebbe preso il figlio di Acri nella sua segreteria politica e lo avrebbe assunto “quale assistente parlamentare”. Il procedimento penale è in fase di indagini preliminari.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata