Milano, 23 giu. (LaPresse) – “La Russia, usando il cibo come arma nella sua guerra contro l’Ucraina, è l’unica responsabile della crisi globale della sicurezza alimentare” ed è per questo che l’Ue “esorta la Russia a smettere di prendere di mira le strutture agricole” e a “sbloccare il Mar Nero, in particolare il porto di Odessa, in modo da consentire l’esportazione di grano e la navigazione commerciale”. È quanto si legge nelle conclusioni adottate dai leader europei in merito al conflitto in Ucraina al termine del vertice Ue.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata