Roma, 25 mag. (LaPresse) – “Non accettiamo supinamente che l’Italia resti ancorata ai 67 anni” per andare in pensione. Lo ha detto il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, dal palco del XIX Congresso confederale della Cisl. “Nessuno pensi di nascondersi dietro al tema costo economico”, avverte poi. “Sentiamo dire ‘le vostre proposte sono giuste ma non ci sono le risorse’. Anche qui la partita va fatta a carte scoperte: in 10 anni la legge Fornero, tagliando nella carne viva delle persone e delle famiglie, ha realizzato risparmi per le casse dello Stato per 117 miliardi di euro. Quota 100, che era stata finanziata con 18 miliardi ne ha usati solo 11”, incalza Sbarra. E conclude: “Noi pensiamo che è maturo tempo per reinvestire una parte importante di questi risparmi per un sistema pensionistico solidale, equo, sostenibile e rispettoso dei bisogni delle persone”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata