Roma 25 mag. (LaPresse) – L’istituzione di basi permanenti della Nato sul nostro territorio o di armi nucleari “non è all’ordine del giorno”, “questa questione sarà sollevata più avanti”, e al momento “non vogliamo autoimporci delle restrizioni in anticipo”. Lo ha detto a LaPresse l’ambasciatrice della Finlandia in Italia Pia Rantala-Engberg. “Per noi ora è importante il processo di adesione alla Nato, poi, quando diventeremo membri, in un altro momento si affronteranno queste questioni”, ha aggiunto l’ambasciatrice.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata