Parma, 23 mag. (LaPresse) – Un bambino ucraino di 3 anni, arrivato prima nelle Marche e poi a Parma dopo lo scoppio del conflitto, ha subito un intervento molto complesso presso il reparto di Gastroenterologia pediatrica all’Ospedale dei Bambini, dopo che l’ingerimento di un prodotto disincrostante a base di soda caustica, un anno fa, gli aveva causato danni all’esofago. Lo ha fatto sapere l’azienda ospedaliero-universitaria della città emiliana, che ha ricostruito la vicenda del piccolo. All’ospedale di Kiev, dove abitava con la famiglia, gli era stato diagnosticato un restringimento del diametro dell’esofago per la presenza di una cicatrice causata dall’ingestione e avevano iniziato le dilatazioni, ma alla vigilia del terzo intervento, il piccolo, insieme alla mamma, ha dovuto lasciare il Paese a causa della guerra.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata