Roma, 20 mag. (LaPresse) – PaceX, l’azienda aerospaziale fondata da Elon Musk, avrebbe pagato 250mila dollari a una assistente di volo per mettere a tacere una presunta molestia sessuale. Lo riporta il ‘Business Insider’. L’incidente, avvenuto nel 2016, è denunciato in una dichiarazione firmata da un’amica dell’assistente e preparata a sostegno della sua affermazione. L’assistente, che ha lavorato come membro dell’equipaggio per la flotta di jet aziendali di SpaceX ha accusato Musk di averle mostrato il suo pene eretto. Musk ha negato le accuse parlando di articolo “motivato politicamente”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata