Roma, 17 mag. (LaPresse) – La decisione di utilizzare i beni delle banche russe in Ucraina per i bisogni di Kiev sarebbe “un vero e proprio furto”. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata