Roma, 23 gen. (LaPresse) – “Una telefonata a Mattarella per convincerlo? Sì, poteva essere una bella cosa… ‘Caro ragazzo, fallo per noi. Per questa nostra categoria di nonni liberi italiani che ti vogliamo bene’. Lui è più giovane di me. Potrebbe fare altri tre anni come minimo, come con i tempi supplementari. A noi ci sta bene. Questo settennato è stato ottimo”. Lo dice a LaPresse, Lino Banfi, in merito a quale figura istituzionale auspicherebbe al Colle alla vigilia dell’inizio delle votazioni per il nuovo Presidente della Repubblica. Per ‘l’allenatore nel Pallone’ la partita è comunque tutta aperta. “Hanno tutte le carte nascoste e poi al momento opportuno le tireranno fuori. Mi farebbe piacere che uscisse Berlusconi, che lo conosco da tanti anni. Ma poi si arriva ad una conclusione logica. Può darsi che lo stesso Berlusconi all’ultimo momento possa tirare fuori l’asso dalla manica e dire: ‘Se non volete me, noi abbiamo questo candidato’. Può anche darsi”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata