Roma 19 gen. (LaPresse)- “E’ ora di mettere mano alla dispersione di acqua pubblica a Roma”.Così in una nota Dario Nanni consigliere comunale della Lista Civica Calenda e membro della commissione Lavori Pubblici. “Purtroppo quasi la metà dell’acqua che passa nelle condotte della nostra città si perde prima di arrivare nelle nostre case. Il problema è nazionale, ma la capitale d’Italia deve dare il buono esempio dimostrando di essere virtuosa. Fondamentalmente questo immane spreco dipende dalle infrastrutture ormai vecchie ed usurate, ma anche da errori tecnici. Rispetto al passato oggi c’è una grande occasione, quella legata ai fondi del Pnrr che riguardano proprio questi specifici interventi, che a livello nazionale ammontano a 3,5 miliardi di euro. Le risorse che arriveranno nella nostra città devono essere utilizzate con oculatezza e lungimiranza, in un progetto complessivo che preveda interventi manutentivi che certifichino concretamente l’abbattimento delle molteplici e gravose perdite presenti negli impianti idrici capitolini”. Proprio per queste ragioni ho chiesto la convocazione della commissione lavori pubblici per conoscere nel dettaglio le criticità, l’attività svolta, gli interventi e le progettazioni predisposte o che si intendono realizzare sulla base dei fondi del Pnrr”, conclude Nanni .

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata