Roma, 15 gen. (LaPresse) – “Se l’interesse del Paese coincide con il nostro serve un patto di legislatura. Egoisticamente da presidente dell’Emilia Romagna preferirei che Draghi restasse dov’è ma sarebbe un errore che Draghi venisse tolto dalla corsa al Quirinale, io non brucerei alcun nome e mi terrei pronta ogni possibilità di contrapposizione all’iniziativa del centrodestra”. Così il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini intervenendo nel corso della riunione dei gruppi parlamentari e della direzione nazionale dem.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata