Mosca (Russia), 1 dic. (LaPresse/AP) – La scorsa settimana l’ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, aveva annunciato che 27 diplomatici russi dovranno lasciare il Paese entro il 30 gennaio, seguiti dallo stesso numero di diplomatici un anno sei mesi dopo. Ha respinto l’argomentazione del dipartimento di Stato Usa, secondo cui i diplomatici russi dovranno lasciare il Paese perché i loro visti sono in scadenza: per l’ambasciatore, il rifiuto di Washington di estendere i visti equivale effettivamente all’espulsione dei diplomatici.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata