Roma, 1 dic. (LaPresse) – “In tutta evidenza, la mancata collaborazione delle autorità del Cairo si configura come un’oggettiva ostruzione al naturale decorso della giustizia italiana che reclama un’adeguata presa di posizione politica. È infatti intollerabile che da parte egiziana si ritenga di poter impunemente contravvenire alle più elementari concezioni del diritto ignorando che favorire la celebrazione del processo, ovvero parteciparvi da parte degli imputati, non implicherebbe affatto la sanzione della loro colpevolezza, ma significherebbe soltanto rispettare veramente e non solo formalmente l’ordinamento italiano”. E’ quanto si legge nella relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di Giulio Regeni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata