Roma, 25 nov. (LaPresse) – “Ieri sera ero a cena con i ragazzi del Varese che alleno e non ho visto la partita. Quando ho saputo che aveva segnato Messias ho telefonato a mia moglie che lo conosce bene e le ho detto ‘pensa se quella sera non avessi visto quella partita dove sarebbe ora’. Mi aspettavo che arrivasse in Serie A, non in Champions League. Lo avevo anche proposto a qualche amico che ho nel mondo del calcio ma alla fine è una scommessa che ho vinto da solo”. Lo dice a LaPresse Ezio Rossi attuale allenatore del Varese in Lega Dilettanti e scopritore di Junior Messias scovato in un campionato Uisp di Torino e portato con sé in Eccellenza al Casale nel 2015. “Gli manca solo uno step la nazionale brasiliana ma da questo punto di vista l’età non lo aiuta”, aggiunge. Per quanto riguarda il Milan invece “si giocherà il posto con Brahim Diaz e Saelemaekers. Pioli avrà l’imbarazzo dello scelta, lui è a livello degli altri due”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata