Milano, 24 nov. (LaPresse) – “Ennio Doris ha avuto grande idea di comunicazione, quel suo presentarsi personalmente in televisione a fare un cerchio attorno a sé. E al tempo stesso quella di eliminare, primo fra tutti farlo credo, l’idea del personale fisso nelle filiali della banca, per mandarlo in giro a contatto proprio con quei ‘cerchi’ nel famoso spot pubblicitario televisivo. Due idee molto originali che dimostrano le sue capacità. Anziché concentrare personale in un luogo fisico, Ennio Doris lo ha diffuso nel Paese, anticipando in fondo lo smart working. E non ha avuto paura nel farlo. Così il suo cliente ha sentito attraverso il family banker di avere qualcuno vicino, ha sentito di avere il proprio banchiere personale”. E’ l’analisi del sociologo Francesco Alberoni, con LaPresse, sul modello imprenditoriale del fondatore di Banca Mediolanum Ennio Doris, appena scomparso, e sulla celebre sua campagna pubblicitaria in cui il banchiere formava un cerchio con il bastone, imprimendo nell’immaginario collettivo l’immagine della ‘banca costruita intorna a te’.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata