Milano, 20 ott. (LaPresse) – Il Tribunale di Torino ha condannato 5 ultrà della Juventus, accusati, a vario titolo, di estorsioni al club bianconero, violenze private e associazione a delinquere. Da quanto si apprende, la pena più alta è stata inflitta a Gerardo Mocciola, leader del gruppo ultrà dei Drughi, condannato a 4 anni e 10 mesi, con interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. Domenico Scarano, anche lui dei Drughi, è stato condannato a 3 anni e 3 mesi, Sergio Genre a 2 anni e 6 mesi, Salvatore Cava a 2 anni e 4 mesi, Umberto Toia a 1 anno e 6 mesi, Giuseppe Franzo a 1 anno e 2 mesi. Assolti invece in 6: Massimo Toia, Corrado Vitale, Luigi Valle, Vincenzo Lioi, Fabio D’Alonzo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata