Milano, 20 ott. (LaPresse) – Non sono fondate le censure sulla proroga del blocco degli sfratti. Lo ha stabilito la Corte costituzionale che ha esaminato oggi le questioni sollevate dai Tribunali di Trieste e di Savona sulla legittimità costituzionale delle norme (articolo 13, comma 13, del dl n. 183/2020 e articolo 40-quater del dl n. 41/2021, entrambi convertiti in legge) che hanno prorogato, per alcuni provvedimenti di rilascio di immobili, la sospensione disposta a causa dell’emergenza Covid.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata