Perugia, 2 ott. (LaPresse) – E’ omicidio volontario aggravato l’ipotesi di reato avanzata dal pm nei confronti della madre del piccolo di due anni morto ieri a Perugia, che lei stessa aveva all’ospedale a Città della Pieve. Lo riferiscono fonti della procura di Perugia. Il fermo, spiegano, si è reso necessario visti i “numerosi e significativi elementi” emersi durante le prime indagini. Secondo quanto ricostruito, la madre sarebbe stata l’unica persona ad aver trascorso con il piccolo le ore precedenti alla morte, come emerge sia dalle testimonianze raccolte sia dalla visione dei filmati delle telecamere di zona. Da quanto si apprende, nei pressi del supermercato, oltre al passeggino, su cui ci sono delle macchie ancora non identificate che potrebbero essere sangue, sono stati rinvenuti giocattoli, un peluche, un pannolino usato e tracce di alimenti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata