Roma, 1 ott. (LaPresse/AP) – Le Nazioni Unite hanno informato l’Etiopia che non ha il diritto legale di espellere sette funzionari Onu accusati di “ingerenza” negli affari del Paese. Il vice portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq ha affermato che la nota diplomatica inviata alla missione Onu in Etiopia e trasmessa al presidente etiope Abiy Ahmed durante una telefonata con il segretario generale Onu Antonio Guterres, afferma la “posizione legale di lunga data” dell’Onu che la dottrina di dichiarare qualcuno “persona non grata” non si applica al personale delle Nazioni Unite, in quanto si applica tra gli Stati e l’Onu non è uno Stato. L’Etiopia ha annunciato le espulsioni giovedì, dando ai sette funzionari 72 ore di tempo per lasciare il Paese, mentre cresce la pressione sul governo per l’isolameto della regione del Tigray.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata