Roma, 27 set. (LaPresse) – La fine dei sedici anni del governo della cancelliera Angela Merkel è “chiaramente un cambio importante” ma a “livello di contenuti non cambierà molto” nel rapporto tra Berlino e l’Unione europea, “credo che il nuovo governo, qualunque esso sia, voglia impegnarsi a rafforzare l’Ue e l’integrazione europea”. Lo ha detto a LaPresse l’ambasciatore tedesco in Italia Viktor Elbling, parlando del futuro esecutivo in Germania. “Non vedo per l’Ue il rischio di indebolirsi” dopo l’uscita di scena di Merkel, ha precisato l’ambasciatore. Una continuità rimarrà anche nel rapporto bilaterale con l’Italia, ha spiegato Elbling, sottolineando che Roma è un “partner strategico” e che Berlino ha interesse ad avere un’Italia “forte, resiliente che voglia continuare con Germania e Francia il cammino intrapreso dell’integrazione europea”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata