Palermo, 22 set. (LaPresse) – Ci sono ricchi professionisti del nord e giovani disoccupati del sud Italia fra i 13 arrestati e i 21 denunciati a piede libero nell’operazione contro la rete di pedo-pornografi che si scambiavano centinaia di migliaia di video e foto a carattere sessuale con vittime bambini e anche neonati. La polizia postale della Sicilia Occidentale in collaborazione con i colleghi di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Firenze, Milano, Napoli, Pescara, Reggio Calabria, Roma, Torino, Trento ha accertato che dietro i nickname nel darkweb si nascondevano lavoratori autonomi, dipendenti, persone con il solo diploma di terza media e laureati con più master nel curriculum, a dimostrazione della trasversalità del fenomeno che non fa distinzioni geografiche, di età e classe sociale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata