Roma, 22 set. (LaPresse) – Il Cremlino ha riferito che durante la conversazione telefonica tra Vladimir Putin e il Presidente del Consiglio italiano Mario Draghi “è proseguito lo scambio di opinioni sulla situazione in Afghanistan”. “Entrambe le parti hanno espresso la volontà di cooperare al fine di prevenire i rischi di diffusione del terrorismo, dell’estremismo e della criminalità. È stata sottolineata l’importanza di stabilire un dialogo inter-afghano tenendo conto degli interessi di tutti i gruppi della popolazione”, si legge nella nota del Cremlino, “Putin ha informato Draghi degli accordi raggiunti durante le riunioni dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva e dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai a Dushanbe il 16-17 settembre, nonché della riunione congiunta dei leader dei paesi membri di entrambe le organizzazioni”. Particolare attenzione è stata rivolta al tema della ricostruzione post-conflitto dell’Afghanistan, anche per quanto riguarda le attività del G20, di cui l’Italia detiene quest’anno la presidenza. In questo contesto, sono stati discussi i problemi del prossimo vertice dei “venti”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata