Milano, 21 set. (LaPresse) – “È ancora troppo presto. Non ci sono ancora indicazioni univoche da parte della comunità scientifica per vaccinare questa popolazione così sensibile. Dobbiamo evitare di rincorrere i comunicati stampa delle aziende. Ci sono opinioni contrastanti in merito. E quando accade il buon senso dice: aspettiamo sospendiamo, vediamo. Se le autorità regolatorie internazionali e nazionali lo approveranno e si prenderanno responsabilità, allora sì. Sono un fortissimo sostenitore del vaccino ma non è una pozione magica. Dobbiamo lavorare come società per risolvere a monte i problemi del contagio”. Lo ha detto Francesco Vaia, direttore dell’Istituto Spallanzani di Roma questa mattina su RaiRadio1 a “Che giorno è”, rispondendo a una domanda sull’opportunità di vaccinare bambini tra i 5 e gli 11 anni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata