L’Aquila, 17 set. (LaPresse) – I carabinieri forestali del reparto Parco nazionale della Maiella hanno effettuato una perlustrazione dell’area incendiata, domenica scorsa, in val Pescara, tra Lettomanoppello e Serramonacesca, in Abruzzo, trovando dei resti umani. Il sopralluogo dei militari è stato avviato a seguito del recupero, durante le operazioni di bonifica in località Cerratina, di uno zainetto e di documenti che sono stati riconosciuti dal padre dell’avvocato Franz Ferrante, 49enne pescarese. Del professionista si erano perse le tracce due anni fa, a marzo 2019. Saranno le analisi genetiche a fornire chiarimenti sui resti umani trovati. L’esame è stato affidato al reparto investigazioni scientifiche dei carabinieri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata